I mercati hanno reagito con compostezza al voto. Nonostante l’incertezza scaturita dalle urne la Borsa è addirittura salita. Come mai? Questo comportamento è la conferma di quanto andiamo dicendo da molto tempo: la politica nazionale ha divorziato dalla direzione dell’economia. Di questa materia ormai si occupa Bruxelles. Il governo di Roma, qualunque sia il colore, può fare solo manutenzione. Per questo i mercati sono tranquilli. Ci metteranno un po’ di tempo probabilmente, per capire  che il voto del 4 marzo non è una novità politica ma il segno di una rivoluzione sociale. Il Nord chiede meno fisco avendo il lavoro. Il Sud, con tanti disoccupati, cerca protezione. In questo momento non si vede in giro alcun leader capace di federare il Paese. Tanto meno  trovare una soluzione superando i rigidi steccati imposti dall’Europa. I partiti tradizionali, come il Pd e Forza Italia, non avendo colto l’ampiezza del malessere hanno perso le elezioni ed ora rischiano l’estinzione. Così hanno lasciato spazio al “vaffa” grillino e alle rudezze verbali della Lega. Il risultato è quello che abbiamo visto alle urne: la rivolta sociale delle due Italie si è trasformata in una spinta politica che vuole travolgere le istituzioni. L’errore più grave che l’establishment potrebbe commettere è quello di far finta di nulla. Aspettando, secondo la tradizione, che la rabbia e la protesta si spengano da sole. Ricordate la lezione manzoniana? “Troncare e sopire reverendo padre” dice il Conte Zio al Padre Provinciale “Troncare e sopire”. Attenzione però. La rabbia e la delusione, a questo giro, si sono espresse con il voto. La prossima volta potrebbero manifestarsi in maniera diversa. Dal 4 marzo “La Galassia del Nord”e il “Popolo del Sud” si guardano con crescente diffidenza. L’ostilità fra Salvini e Di Maio che si manifesta in tutto (a cominciare dall’abbigliamento) sta diventando il manifesto del Paese diviso in due. Il rispetto dei parametri imposti dall’euro getta sale sulle nazioni. La Ue che doveva unire i popoli sta spaccando le nazioni.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail