Mister austerità se ne va. Il ministro tedesco dell’Economia Wolfgang Schauble lascerà il governo per diventare, da quanto si capisce, presidente del Bundestag, il Parlamento tedesco. È stato per anni il volto arcigno del rigore e dell’intransigenza tedesca. Il cattivo per eccellenza come nei vecchi film in bianco e nero. Un attentato l’aveva costretto su una sedia a rotelle e la disgrazia serviva ad alimentare il mito della sua inflessibilità.

È noto, per esempio, che all’inizio della crisi era stato un fautore della soluzione più radicale: la Grecia fuori dall’euro. Una scelta estrema che sarebbe servito da monito all’indisciplinata compagnia mediterranea (Italia per prima). Poi era prevalsa la linea della mediazione. Atene andava salvata perché solo così le banche tedesche e francesi sarebbero rientrate dei finanziamenti concessi al governo ellenico per pagare le Olimpiadi, le armi, le baby-pensioni.

Per cinque anni Schauble non ha mai smentito la sua fama. Ha giocato di sponda con Angela Merkel: il ministro appiccava il fuoco dello scontro politico nella Ue. Poi arrivava il capo del governo con l’estintore. Ora questo numero finirà. La coppia è scoppiata. La cancelliera ha giubilato il suo fedele scudiero perché ha bisogno di giocare la fondamentale poltrona di ministro dell’Economia sul tavolo delle trattative per la formazione del nuovo governo.

Per quanto possa sembrare paradossale lo rimpiangeremo. Chi sostituirà Schauble sarà anche peggio. Probabilmente il successore sarà espressione del partito liberale che è tornato in Parlamento in nome della difesa degli interessi nazionali. Germania uber alles contro America first. Il resto della Ue sarà solo un vociante corteo. Le tensioni internazionali ricominceranno ad attraversare i rapporti fra i partner. Il governo di Berlino diventerà ancora più intransigente e rigoroso. Chiederà nuove dosi di austerità perché non potrà deludere le fasce crescenti di elettori che non vogliono avere niente in comune con italiani, spagnoli e greci. L’Europa che sta per nascere sarà ancora più castale e meno democratica. Non sembrava possibile poter rimpiangere Schauble. Invece accadrà. Ecco perché chiediamo con maggior forza un’Europa diversa. Questa che vediamo corre verso il disastro.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail