Un pizzino anti Ue. Non è venuto dal Sud come si sarebbe (erroneamente) pensato. È arrivato direttamente dal cuore dell’Impero. Otto Paesi della Ue, guidati dall’ Olanda, hanno lanciato un avvertimento a Francia e Germania e alle loro ambizioni di rilancio dell’ integrazione comunitaria. A firmare, oltre i Paesi Bassi, anche Svezia, Finlandia, Danimarca, Irlanda e le tre Repubbliche baltiche. Il patto è un autentico manifesto anti Macron ed un avviso di garanzia al neonato governo di Angela Merkel. Dice no all’ Unione dei trasferimenti, no al bilancio comune e neanche vuol sentire parlare di ministro delle Finanze. Stop a nuovi travasi di sovranità e competenze a Bruxelles. Avanti invece con il fiscal compact e in pratica ancora più rigore nelle politiche economiche. A quanto pare i nipotini del superfalco Wolfgang Schauble sono al lavoro.

Infatti non poteva essere più chiaro il messaggio inviato a Parigi e a Berlino, che con la fine della lunga paralisi politica in Germania sognano di far ripartire il piano di riforme in Europa. Il significato è chiaro: non potete decidere da soli il futuro della Ue e dovrete misurarvi con un fronte agguerrito contrario allo slogan «più Europa» che rappresenta il manifesto di Macron. La prevedibile assenza italiana dai prossimi incontri fa venir meno una voce importante e ci mette in posizione di debolezza. Quando torneremo a pieno titolo al tavolo di Bruxelles troveremo la minestra già pronta. Non resterà che il solito dilemma: prendere o lasciare. Ed è una interessante torsione che il gruppo degli otto rivendichi di fatto l’ eredità intellettuale e politica di Schaeuble, ora che Angela Merkel sta per andare all’ abbraccio di una Grosse Koalition con la Spd, spostando la Germania su posizioni più favorevoli all’integrazione. Ma il pizzino stupisce per un altro aspetto: molti degli otto firmatari appartengono per tradizione all’area della Grande Germania. E’ la prima volta che prendono una posizione in dissenso con Berlino. Un segnale non equivoco di una Unione Europea sempre meno unita.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail