Stiamo facendo una figura orribile con il resto d’Europa sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), ovvero sui soldi che la Ue dovrebbe erogare per aiutarci a recuperare dal Covid. Come scriveva qualche giorno fa l’ottimo Giuseppe Liturri su Start Magazine: “prima progettano con meticolosa accuratezza la gabbia del Recovery Fund e poi cominciano a lanciare grida d’allarme quando il meccanismo infernale del Pnrr rischia di stritolarli.”

“Ci pare questa la sintesi per descrivere quanto accaduto dallo scorso 22 giugno — quando Ursula Von der Leyen e Mario Draghi fecero la passerella a Cinecittà per annunciare l’approvazione del piano italiano da parte della Commissione — ad oggi – spiega Liturri –. Si sta puntualmente verificando ciò che abbiamo scritto per mesi, a partire da luglio 2020, e poi a settembre, quando furono pubblicate le linee guida della Commissione per la redazione dei piani nazionali e per la gestione dei fondi. Bastava leggere i documenti per prevedere cosa sarebbe accaduto al momento dell’impatto tra tale diluvio di burocrazia e la nostra pubblica amministrazione.”

Nelle ultime settimane, spiega Liturri, ormai abbiamo perso il conto delle interviste rilasciate da Presidenti di Regione e sindaci per lamentarsi della materiale impossibilità di affrontare una simile mole di attività progettuali. Ma giovedì ci ha pensato l’ambasciatore Ferdinando Nelli Feroci sul Foglio a ripetere ciò che i nostri lettori sanno da tempo e lanciare un autorevole grido d’allarme. Autorevole, perché il lungo curriculum di Nelli Feroci nei corridoi e nelle stanze che contano a Bruxelles ci autorizza a pensare che abbia proprio raccolto in quelle sedi le preoccupazioni manifestate al Foglio. “Le cabine di regia stanno diventando troppe, una pletora e non sempre aiutano” e, riferendosi a Draghi, aggiunge che “l’Europa comincia a chiedersi cosa gli lasceranno fare i partiti. L’episodio del ddl Concorrenza è stata una spia”. Secondo Nelli Feroci “il monitoraggio è pesante, a tratti intrusivo” ma “il meccanismo è giustificato. Si tratta di un gioco complesso ma vale la pena giocare” sapendo però che da Bruxelles ci osservano “in maniera critica” e che “l’Italia è ancora in mezzo al guado […] Non siamo usciti dall’emergenza. Ci stiamo dentro”, conclude l’ambasciatore, le cui parole suonano come una frustata sulla schiena del governo e come un monito verso chi, a vari livelli (Parlamento ed enti locali) si illude di poter fare qualcosa di diverso dalla mera esecuzione di decisioni prese altrove già molto tempo fa.

Pensare che Bruxelles potesse erogare denaro “a fondo perduto” senza condizioni e controlli era pia illusione. Se il condominio usa la propria cassa – peraltro alimentata dai contributi dei condomini – è proprio per decidere perfino il colore delle piastrelle del bagno di ogni singola abitazione. “Ci ritroviamo quindi tra Scilla e Cariddi: per fare presto, dobbiamo mettere a tacere Parlamento, enti locali e pure la magistratura; oppure per fare bene, dobbiamo mancare le scadenze previste da Bruxelles – conclude Liturri –. C’è pure la terza possibilità: fare in fretta e poi farsi sanzionare per aver lasciato spazio a frodi e corruzione.”

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail