Almeno la metà del nuovo “cannone” di Mario Draghi andrà a favore della Germania. A dirlo l’economista Marcello Minenna, che ha pubblicato un interessantissimo intervento sulle pagine del quotidiano Sole 24 Ore, ripreso dalla testa online Start Magazine. “Il beneficio complessivo è stimabile intorno ai 4 miliardi di euro l’anno, di cui 3,2 sono attribuibili al tiering delle riserve”.

Minenna – scrive Start Magazine – quantifica il beneficio che le banche europee otterranno dal nuovo pacchetto di misure espansive della Bce. “Gli aiuti non saranno però distribuiti uniformemente: circa il 50% andrà alle banche tedesche, il 12% a quelle italiane e il 9% alle spagnole. Probabilmente questo vantaggio comparato è servito a Draghi per ottenere l’appoggio dei banchieri centrali nordeuropei” scrive Minenna sul quotidiano della Confindustria. Minenna sottolinea che le misure dell’ultimo pacchetto di stimoli che la Banca Centrale Europea “riequilibrano la situazione avvantaggiando comparativamente le banche core” e questo aspetto “potrebbe essere stato cruciale per garantire il supporto del board dei governatori nord-europei, già contrari esplicitamente al riavvio del Quantitative Easing”.

Il flusso di risorse verso il sistema bancario, sottolinea il dirigente Consob, “ha delle conseguenze sul bilancio dell’Eurosistema delle banche centrali nazionali (Bcn)”. Minenna ricorda che “in dipendenza dalla legislazione vigente in ogni Paese, i profitti delle Bcn vengono in larga parte (o in misura integrale, come nel caso della Germania) trasferiti ai governi nazionali. Quindi la manovra espansiva della Bce comporterà minori introiti per i governi dell’Eurozona, implicando de facto un trasferimento di risorse “quasifiscale” al sistema bancario.” In questa prospettiva, secondo Minenna, assume un diverso rilievo l’invito del Presidente Draghi a un maggiore attivismo fiscale da parte di quei governi (come quello tedesco od olandese) che possono spendere, in ogni caso all’interno dei limiti dettati dal Patto di Stabilità e Crescita: o intervenite, oppure pagherete comunque dei costi.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail